Poesie

In questa pagina sono raccolte alcune delle poesie più belle partorite dalla menti dei nostri poeti più «famosi» che con le loro opere hanno dato (ancora oggi) lustro al paese di Mili San Marco. Verranno pubblicate, pertanto, solo liriche disponibili in raccolte ufficiali o presentate ai gran premi di poesia.


Festa di San Valentino
Sempre come oggi - Un giorno non basta
 

Oggi la festa di San Valentino
mi son vestito da "Don Giovannino".
San Valentino mi diede l’invito
per conquistare, pimpante ed ardito.

Allora presto, di tutta mattina,
ho girovagato in centro Messina.
Ognuno maschietto già si sentiva,
qualcuno però mi sembra mentiva.

Maschioni tutti un bel po' mi parete,
poi tutto l’anno chi ca...volo siete ?
Non credo domani v’addormentate
e per l’anno intero non vi svegliate?

Maschio sol io non posso restare
e la classe maschile qui onorare
e quindi l'uomo sia sempre galante,
nonché cavallo di razza rampante.

Dire io sol voi capite che scherzo,
in quanto su tre sarò solo terzo,
ma se vogliamo raccogliere frutti,
ci tocca d’agire per bene tutti.

L’uom per la donna, per altro che sia,
dev'esser sempre una gran poesia,
in modo che tutte così ben sanno
che, il maschio é galante l'intero anno.

A tutto questo la donna ci tiene,
pertanto ci vuole sempre più bene
sboccerà pur tanta serenità,
perciò di riflesso felicità.

Or tu bel figliuolo, singolo mai,
ella t’aspetta, telefona, vai!
va dille che l’ami, assai pure tu
e lei t’abbraccia, non ti lascia più.

Poi agisci sempre con serietà
e nonché grande esempio di onestà
allor ti dò per sicuro, per certo,
ella ti stringe al suo cuore al suo petto.

Sempre più bella la vita di coppia,
e che l’amore ogni dì si raddoppia,
succeda pure, per come si dice,
"la vita viver serena e felice".

E anche te donna, per essere amata,
datti pur tu quella buon regolata
e cerca ogni giorno d’esser capace
curar l’amore, curare la pace.

Consiglio di avere santa pazienza
e non troppo puntare in provvidenza,
dopo un segreto per mia coscienza,
ben usa il cervello, l’intelligenza.

San Valentino c’invita ad amare
e questo mai lo dovremo scordare,
seren per essere in ogni momento
in pace in salute in divertimento.

L’amore di coppia è dono di Dio
e vogliamoci ben da esempio pio
e al segno di croce, sera e mattina,
“CI BENEDICA LA MANO DIVINA”.
Festa i San Valintinu
Sempri comu oggi - Un jonnu non basta
VERNACOLO MESSINESE

E oggi chi è festa di San Valintinu,
mi vistì beni "da Don Giovanninu",
San Valintinu mi desi l’invitu
e annai a cunquista pimpanti e arditu.

E allura viàtu i tutta matina,
un giru fici 'ntè stradi i Missina.
"Masculu" ognunu di già si sintìa,
qualcunu inveci mi pari mintìa.

Ah, omini tutti oggi vi sintìti,
ma u restu i l’annu, c ca...ulu siti?
Non è chi dumani vi 'drummintati
e passa 'nautr’annu mi vi sbigghiàti?

”Non pozzu ristari nte boni iò sulu
a tirari u carru comu 'nu mulu,
intanto ogni omu sia sempri galanti,
nonché "cavaddhu di razza rampanti".

Diri iò sulu vui capìti chi schezzu,
picchì supra a tri sugnu appena u tezzu.
Però, si vulemu cògghiri frutti,
ni tocca d’agiri pi beni tutti.

Ora, senza picchì e senza piccomu,
u cumpagnu sia sempri un galantomu,
in modu, così, chi fìmmini sannu,
chi l’omu è galanti pi tuttu l’annu.

A fimmina a chistu tantu ci teni,
pi tanto nni voli sempri chiù beni,
sboccia 'nu munnu di serenità
e allora i riflessu filicità.

E tu, beddhu figghiu, singulu mai,
dha beddha t'aspetta a trovila, vai,
và dicci chi l'ami magari assai tu
e iddha t'abbraccia, non ti lassa chiù.

Poi sempri agisci cu serietà
e c’un validu esempiu di onestà,
mentri ti dugnu pi sicuru e cettu,
iddha ti strinci o so cori o so pettu.

Sempri chiù bella la vita di coppia
e i gioia ogni jonnu quindi mi scoppia,
succedi piccio', pi comu si dici,
di viviri a longu e tantu filici.

Ed ora tu donna, pi essiri amata,
puru tu datti na bon regolata
e cecca ogni jonnu d'esser capaci,
di curar l’amuri, curar la paci.

Cunsigghiu, mi hai la santa pacenza,
non sulu puntari 'nta pruvvidenza,
dopu un segretu, pi mmia cuscienza,
pur usa lu "GNEGNU", l'"INTELLIGENZA"....

San Valintinu nn'invita ad amari
e nui no, non l'avemu a scuddari!
Sereni pi essiri in ogni mumentu,
in paci in saluti in divittimentu.

L'amur di coppia è nu donu tra dui,
l'omini, sempri, damu esempiu nui.
E cu signu a cruci, sirae matina,
"'NNI BBINIDICA LA MANUDIVINA”.


La musica, un gran bel dono
Impariamola tutti
 

Iddio ci concesse un gran bel dono
"La Musica", nel suo splendido suono
e la grand'arte e non mem l'arte buona
migliora tutti ed ancor più chi suona.

Ogni vivente la porta nel gene
e chi l'impara matura assai bene,
poi nel suonare, ad ogni qualvolta,
rende felice chiunque l'ascolta.

Essa rallegra ogni singolo cuore,
perché suonare da' pur buon umore,
d'estate al fresco ogni momento è gaio,
d'inverno al caldo d'un buon focolaio.

La musica allontana dall'oblio,
chi suona o canta è più vicino a Dio.
Suoniamo sempre nel nostro cammino,
gioir facciamo chi ci sta vicino.

Suoniamo in casa con ardente fiamma,
per cari nonni e pur per babbo e mamma.
U 'gnuranti, l'intilligenti,
u saggiu e u fissa

VERNACOLO MESSINESE

Ah, lu 'gnuranti para a minnifuttu
e quasi mai nenti menti a fruttu,
quindi, cu di sfacciatu si fa avanti,
è chiddhu chi fa patti di 'gnuranti.

L'intilligenti attrovulu quaccunu!,
Para o mumentu giustu ed oppottunu,
peccio' ci voli picca o quasi nenti
capiri cu è pissuna 'ntilligenti.

U saggiu para quannu 'ntippillatu,
vali a diri pi casu, s'é 'nvitatu,
è facili capiri l'omu saggiu
in quantu è sbrigativu e senza plagiu.

U fissa inveci, para e para assai
e, quasi-quasi, na finisci mai,
di chisti ci nni su ..., vinciu a scummissa,
quindi: è facili capiri cu è fissa.

C'e' troppu genti dilli assai paroli,
ma stari muti chi ci vonnu scoli?
Oppuramenti l'universitati?
Ci voli sulu bona vuluntati!

Scusati donni si scrissi o maschili,
ma vali pur pu sessu fimminili.
Ognunu comu sìmina ricogghi
e si non scippa frutti, scippa fogghi.

Buon Natale

Buon Natale ai bimbi senza inganni,
la cui innocenza è lor maggior virtù,
buon Natale a chi il numero degli anni
è quello dell'ardente gioventù.

Buon Natale a chi fulgidi vent'anni,
rimangono un ricordo e nulla più,
buon Natale a chi la vita senza affanni
la visse amando il prossimo quaggiù.

Buon Natale a tutti gli anni della vita,
a chi la vive con umanità.
Buon Natale a chi con l'anima pulita
ama la pace e la serenità.

Buon Natale a chi una famiglia unita,
brama godersi con fedel bontà.
L'orologio del paese

L'orologio della chiesa ogni mattina
mi risveglia con rintocchi di campana
e il suono vien sull'onda e s'allontana
sulle ali della brezza mattutina

Così in ogni giorno, in ogni ora
con i rintocchi suoi dice alla vita:
«Attenta, chè anche quest'ora è finita».
La vita va via così ora per ora.

O caro orologio del mio paesello,
tu sei l'amico e il giudice severo
e tutta la notte e tutto il giorno intero
misuri il tempo mio, col tuo martello.

E quante volte con tua armonia,
destandomi di notte mi fai pensare,
quell'ora che tu batti e che scompare
si porta un tratto della vita mia.

E, tratto a tratto, me la porti via;
però tutto questo me lo fai notare
per dirmi che mi devo comportare
come più umanamente un cuor desìa.

Perché ogni ora che passa s'allontana
porta con sé ogni opera buona,
ma quando l'ultima ora mia risona
per me non suonerà più la tua campana.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...